Workshop di discussione aperto al pubblico “Immagin(AR)i e Politica”

immaginari locandina

A Cuneo workshop di discussione sulla rilevanza sociale e politica delle immagini

In programma l’11 e 12 aprile presso la sede universitaria Mater Amabilis una due giorni dal titolo “Immagin(ar)i e politica. Forme, simboli e pratiche sociali del tardo-capitalismo”

Si chiama “Immagin(ar)i e politica. Forme, simboli e pratiche sociali del tardo-capitalismo”. È il nuovo progetto di ricerca e promozione culturale promosso dal Cespec (Centro studi sul pensiero contemporaneo), che avrà il suo momento clou nel workshop di discussione aperto al pubblico in programma giovedì 11 dalle 15 e venerdì 12 aprile dalle 10 presso la sede universitaria Mater Amabilis di Cuneo (via A. Ferraris di Celle, 2 – Aula 109). L’evento è organizzato dal Cespec in collaborazione con l’Associazione Polis e con il contributo della Fondazione Crc. Il progetto è uno degli eventi in preparazione della Summer School 2013 che quest’anno avrà come titolo: “Le sfide della crisi. Economia, religioni e valori nella società della contrazione” in programma a Cuneo nel mese di settembre. Per informazioni visitare il sito www.cespec.it o scrivere a info@cespec.it. L’ingresso è libero.
“Le due giornate cuneesi – spiega Graziano Lingua, direttore scientifico del Cespec – partono dalla constatazione che nella nostra società giocano un ruolo sempre crescente vere e proprie mitologie che si fondano su simboli e immaginari sociali non interpretabili con le categorie tradizionali della teoria politica e non affrontabili con gli assetti istituzionali a oggi vigenti (come mostra la crisi non solo economica, ma anche politica). L’invadenza della comunicazione visiva e gli slogan con cui vengono mediate alcune idee politiche sono fenomeni nuovi che vanno affrontati con un nuovo armamentario intellettuale. Di fronte a questa situazione ci sembrava importante creare occasioni di riflessione pubblica e di formazione delle nuove generazioni”.
La due giorni s’inaugura giovedì 11 aprile alle 15 con la prima sessione dal titolo “Teoria delle immagini e immaginari sociali: potenzialità, criticità e declinazioni”. Intervengono: Graziano Lingua dell’Università di Torino (“Dalle immagini agli immaginari: teoria dell’immagine come critica sociale”), Piergiuseppe Bernardi della Facoltà teologica dell’Italia Settentrionale – Milano (“Apologia dell’eidolon: il concetto di immagine del mondo greco arcaico tra rimozione e evanescenza”) e Paolo Heritier dell’Università di Torino (“Critica iconico-giuridica al mito della politica”). Si prosegue venerdì 12 aprile dalle 10 con la sessione dal titolo “Immagini dell’uomo, rappresentazioni del legame sociale”. Intervengono: Alberto Pirni della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa (“Simboli e simbiosi. Integralità corporea ed equità sociale nell’epoca dello human enhancement), Paolo Monti dell’Università Cattolica (“Rappresentazioni, rappresentanza, rappresentati: dimensioni etiche e politiche”) e Sergio Racca del Cespec (“Il legame sociale tra immaginazione produttiva e strutture formali: Castoriadis e Tillich”). La terza sessione “Immagini, simboli e pratiche sociali” si terrà nel pomeriggio, dalle 15. Intervengono: Giacomo Pezzano del Cespec (“La moneta allo specchio: dall’immagine al simbolo”), Davide Sisto dell’Università di Torino (“Dal simbolo al simulacro. Il conflitto tra reale e virtuale”) e Roberto Franzini Tibaldeo della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa (“L’ambiguo fascino del paesaggio: programma etico-politico di responsabilità”).

immaginari-e-politica_2013_a3